C Silver. Antonianum 115 - SEF Torres 119 PDF Stampa E-mail
Scritto da Max   
Domenica 10 Marzo 2019 21:30

 

 

Partita incredibile (non ci sono altri aggettivi per definirla) tra l’Antonianum Quartu e la Torres Sassari nella fase ad orologio del campionato di serie C Silver. Gli ospiti si sono imposti col punteggio di 115 a 119 al termine di un incontro davvero spettacolare con attacchi scatenati. Punteggio altissimo e si badi bene che nessun supplementare è stato disputato. Davvero originale anche il parziale dell’ultimo quarto 38-45 (!). Un totale di 83 punti in dieci minuti, in pratica poco più di 8 punti a minuto. Molto complicato oggi il lavoro del segnapunti. Ad alzare il punteggio per gli ospiti la sequenza di ben 20 triple di cui 10 solamente nell’ultimo quarto ! L’Antonianum, privo di un giocatore determinante come Daniele Locci, ha accettato i ritmi imposti dagli ospiti e dopo una prima frazione scoppiettante (31-32 il punteggio) ha preso il controllo del match (60-49 a metà gara). Nella terza frazione di gioco i biancoazzurri hanno mantenuto un leggero vantaggio (74-68 al 27’) prima di innervosirsi per una serie di decisioni arbitrali che hanno portato a due sanzioni tecniche. Chiusi tre quarti gara ancora avanti (77-74) i padroni di casa hanno subito una serie impressionante di triple (come detto saranno ben 10 nell’ultima frazione di gioco). Dopo aver difeso il vantaggio sino al  +6 (94-88, minuto 35) i quartesi sono stati ripresi e superati (manco a dirlo) da una tripla di Martis (96-97). L’inerzia del match è cambiata e i locali sono andati sotto di otto lunghezze (102-110, poi 107-115). Trascinati dal proprio pubblico i ragazzi di Asunis e Puddu hanno prodotto un ultimo grande sforzo riportandosi a -1 (115-116) grazie al centro di Jordan capace di catturare un rimbalzo offensivo su libero fallito appositamente da Salis. A pochi secondi dal termine l’Antonianum ha deciso di bloccare il cronometro mandando in lunetta Merella che però non ha fallito i liberi (115-118). Dopo un tentativo da tre fallito per i quartesi c’è stato ancora tempo per vedere M. Locci dalla linea della carità ma al numero 7 di casa non è riuscito il gioco sul ferro nel secondo libero come in precedenza era accaduto con Salis. Il match si è chiuso col tirol ibero di Nocco per il definitivo 115 a 119. Top-scorers del match Salis e F. Chessa entrambi con 29 punti di bottino.

Asunis, privo di D. Locci, parte col quintetto Ruggeri, Biggio, Pau, M. Locci e Polledo mentre Mura si affida inizialmente a F. Chessa, Martis, Uzzanu e Diouf. Il match si apre con l’arresto e tiro di F. Chessa imitato poco dopo da Ruggeri (2-2). Mini-break ospite con Diouf (libero), Merella (piazzato dall’arco) e Martis (penetrazione) con tabellone che ora recita 2-8. M. Locci, Polledo (per lui anche un gioco da tre punti) e Pau (contropiede) riportano a contato i locali che in questa fase subiscono un’altra tripla con F. Chessa (10-11). LA squadra di Mura impone ritmi altissimi e l’Antonianum li accetta rispondendo colpo su colpo. Ne scaturisce una gara molto intensa e divertente con attacchi scatenati e difese, per contro, piuttosto lacunose. Martis (tripla), Uzzanu (indovinate? Tripla) e Merella (secondo voi? Tripla) realizzano dall’arco con risposte locali affidate a M. Locci (perfetto arresto e tiro con rilascio plastico e palla sapientemente poggiata a tabellone, tipica realizzazione di casa Locci, Daniele docet), Paddeo, Salis  e Biggio prima da tre e poi dalla lunetta (21-20). Dopo un altro arresto e tiro di M. Locci e la “bomba” di Paddeo gli ospiti rispondono alla loro maniera (tripla di Merella) per il 26-23 a favore dei biancoazzurri. Non c’è il minimo respiro ne per i giocatori e ne per il segnapunti (sic) perché si continua ad andare a segno neanche si trattasse di una gara NBA. Il pubblico però gradisce. L. Chessa, Dell’Erba e Martis (altra “bomba”) realizzano con risposte di M. Locci, Salis (assist di Serra) e Biggio che chiude il quarto con la penetrazione del 31-32. Nel secondo semitempo l’Antonianum continua a mitragliare la retina mentre gli ospiti sembrano rifiatare. M. Locci, Salis (oggi davvero scatenato) e Jordan trovano la via del canestro con repliche sassaresi che portano la firma di Dell’Erba, F. Chessa (anche una tripla per lui) e Merella (49-49). Il finale di quarto è però del tutto favorevole ai locali che piazzano un break di 11-0 che sembra imprimere un deciso indirizzo alla gara. Vanno a segno Salis, Pau, Ruggeri, Jordan ed infine Biggio che ruba una palla in attacco e realizza il centro del 60 a 49. Dopo il riposo lungo l’Antonianum sembra mantenere il controllo del match. Polledo (buon momento per lui sino al quarto fallo che lo riporta in panchina), Ruggeri, Biggio, Jordan e Salis vanno più volte a canestro con Torres che risponde con F. Chessa (una serie di penetrazioni), Tola( tripla), Martis e Merella (74-68). I locali però si innervosiscono quando si vedono sanzionato un fallo molto dubbio di Biggio in attacco e poco dopo incorrono anche in due falli tecnici con L. Chessa che non fallisce dalla lunetta). Lo stesso L. Chessa scalda la mano dalla distanza mentre sull’altro fronte arriva la tripla di Paddeo che porta le squadre all’ultimo mini-intervallo sul  punteggio di 77-74. La frazione di gioco conclusiva è davvero difficile da descrivere. Anziché diminuire i ritmi aumentano ulteriormente. L’Antonianum sembra mantenere le redini del match mantenendo un vantaggio di 7 lunghezze (92-85) per effetto dei centri di Serra (tripla), Jordan, Paddeo (“bomba” dagli 8 metri) e Salis con ospiti capaci di replicare dall’arco con Merella e L. Chessa  e quindi con F. Chessa in penetrazione. Salis mantiene una grande percentuale dalla media distanza e si batte come un leone nel pitturato mentre sull’altro fronte arrivano una serie di triple di L. Chessa e quella di Martis che porta avanti, dopo molti minuti, i ragazzi di Mura (96-97). Dopo il controsorpasso firmato da Jordan con una bella azione personale (98-97) si registrano altre due “bombe” di L. Chessa, quella di F. Chessa (aiutata dal ferro) ed il centro di Uzzanu che portano all’allungo ospite in una fase in cui l’Antonianum trova la via del canestro unicamente con Salis ed il rientrante Polledo (102-110). Sul -8 i ragazzi di Asunis non ci stanno a perdere una gara che li ha visti quasi sempre avanti e provano a riavvicinarsi con Ruggeri (tripla) e Polledo (poi out per raggiunto limite di falli) ma la Torres mantiene il vantaggio con Martis e Merella (107-115). I locali hanno la forza per un’ulteriore reazione. Ruggeri e Salis guidano la rimonta biancoazzurra che si concretizza con la realizzazione di Jordan su libero fallito appositamente da Salis (115-116). A pochi secondi dal termine l’Antonianum decide di bloccare il cronometro mandando in lunetta Merella che però non fallisce i liberi (115-118). Dopo il tentativo da tre fallito dai locali c’è ancora tempo per vedere M. Locci in lunetta ma non riesce il gioco sul ferro sul secondo libero come in precedenza. La palla prende il tabellone senza toccare l’anello e la rimessa va agli ospiti. Il match si chiude col libero di Nocco per il definitivo 115 a 119. Grande festa per il giovane gruppo di Antonio Mura.

Parziali:
31-32; 29-17; 17-25; 38-45.

Tabellino Antonianum:

Jordan 20, M. Locci 9, Ruggeri 13, Polledo 14, Pau 4, Salis 29, Serra 3, Argiolas ne, Paddeo 11, Congiu ne, Biggio 12. Allenatore: Fabrizio Asunis. Aiuto Allenatore: Manuel Puddu.

 


Tabellino SEF Torres:

Sanna, F. Chessa 29, Altana, Martis 24, Tola 3, L. Chessa 21, Nocco 1,Diouf 1, Uzzanu 5, Dell’Erba 9, Merella 26. Allenatore: Antonio Mura.